Accedi

INIZIA IL PERIODO DI PROVA

Scenario D&I: alcune statistiche interessanti

Quanto è importante l’inclusione per i consumatori?

La D&I (Diversity & Inclusion) ha un effetto positivo sul mercato: le consumatrici e i consumatori scelgono di più i brand che la promuovono. Secondo il Diversity Brand Index 2019, 3 consumatori su 4 (ovvero il 74%) risultano sensibili a messaggi che riguardano la D&I. Di questi:

  • il 51% sceglie il brand con convinzione
  • il 23% esprime preferenza per il brand

La concreta consapevolezza rispetto ai temi della D&I prende sempre più piede: si riscontra infatti un assottigliamento marcato della fascia dei consumatori “passivi”.

Perché la D&I in azienda?

Le principali leve di adozione di politiche di D&I per l’azienda risultano essere*:

  • il miglior clima aziendale (95%);
  • la promozione della D&I su tutti i livelli gerarchici (84%);
  • la differenza di pensiero nei criteri decisionali (71%);
  • la diminuzione dei costi di turnover (61%).

La D&I per contrastare il gender pay gap

Su oltre 10.000 lavoratori in Europa e Regno Unito, le discriminazioni sul lavoro sono in calo del 4% attestandosi attorno al 30%.

Quali sono i motivi principali?

  • L’età (9%)
  • Il genere (7%)

1 donna su 10 sostiene di essere discriminata, rispetto al 3% degli uomini**

Una lavoratrice italiana, a seconda dell’inquadramento lavorativo di appartenenza, nel 2017 ha guadagnato in media tra i 9.000€ e i 2.500€ in meno all’anno, se confrontata con la stessa posizione ricoperta da un lavoratore (ovvero fino al 24% in meno)***

Quanto è importante l’inclusione per le aziende?

Gli elementi di diversità diventano elementi imprescindibili di una cultura inclusiva delle aziende e i benefici sono numerosi sia per le persone che per l’azienda stessa.

Il posizionamento delle aziende su questi temi, infatti, impatta positivamente sulla reputation e genera fiducia nel brand confermandosi il primo driver nella costruzione della brand equity.

I brand che investono sulla D&I registrano un aumento di oltre il 20% dei ricavi.

Infine, secondo uno studio Deloitte, le differenze (quando vengono correttamente valorizzate) portano tre tipi di vantaggio per le aziende:

  • stimolano l’innovazione del 20%
  • riducono i rischi del 30%
  • rendono il flusso di cassa per dipendente (nel triennio) di 2,3 volte più elevato.

 

* Fonte: Istud Business School e Wise Growth
**Fonte: Workforce View in Europe 2019 di Opinion Matters per conto di ADP
***Fonte: Job Pricing Gender Pay Gap Report


Contattaci per maggiori informazioni!

Nome e Cognome*

Nome Azienda*

Email*

Telefono*

Posizione in azienda*

Lascia il tuo messaggio

Ho letto Termini e condizioni del sito e acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Condividi

0commenti su "Scenario D&I: alcune statistiche interessanti"

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2017 DIG-B SRLS - Via Tavernola, 91/C, 80053 Castellammare di Stabia (NA) P.IVA 07723131210 - REA NA-905782

Credits: socialcities.it

Scopri Diversity @ Work
X