Accedi

INIZIA IL PERIODO DI PROVA

Diversity @ Work: rassegna stampa

Rassegna stampa completa su Diversity@Work: il primo videogioco in Italia sul diversity management

La startup italiana Work Wide Women, da sempre in prima linea nella creazione di progetti volti all’inclusione sociale in azienda, ha lanciato Diversity@Work, il primo videogame per riflettere sui temi del Diversity&Inclusion.
Etnia, genere, orientamento sessuale o religioso, disabilità, età: sono considerati elementi di coesione all’interno di un’azienda che sa stare al passo con il mondo, infatti sono sempre di più le realtà imprenditoriali italiane che hanno capito l’importanza di promuovere la ‘diversità’ e valorizzare l’inclusione.

In Italia, solo nel 2018, il 73% delle aziende di grandi dimensioni (secondo un recente sondaggio ISTUD) ha offerto ai propri dipendenti una formazione manageriale volta alla sensibilizzazione sulle tematiche D&I. In questo senso, Work Wide Women ha realizzato Diversity@Work, un’esperienza innovativa che cala il giocatore in contesti reali, per riflettere sulle reazioni a situazioni in cui ciascuno di noi può ritrovarsi e riconoscere come un’azione, spesso guidata da automatismi o da stereotipi, possa modificare le sorti della nostra produttività.

“Pensare in un’ottica di Diversity&Inclusion per un’azienda significa pensare in modo moderno, attuale e responsabile – dichiara Linda Serra, CEO e Co-Founder di Work Wide Women – L’inclusione è un percorso imprescindibile per ogni realtà che intende crescere e rappresenta una vera e propria innovazione culturale, e come tale va accompagnata con strumenti adatti. La dimensione dell’Applied Game (videogame educativo) – continua Serra – è adatta per astrarre determinate situazioni e riproporle in un ambiente neutro e non giudicante. In questo modo, è più semplice far emergere tutte quelle circostanze che, se gestite in modo costruttivo e positivo, rappresentano sempre un arricchimento della persona, come singolo individuo e come membro di un team di lavoro.”

COME FUNZIONA.

Diversity@Work non è un test o un assessment o una valutazione: è un videogioco il cui obiettivo è quello di far emergere le dinamiche discriminatorie implicite e favorire l’adozione di comportamenti inclusivi. In Diversity@Work viene garantito l’anonimato di chi gioca, proprio per assicurare l’autenticità delle risposte, perciò i valori che vengono forniti all’azienda sono dati aggregati. Le mini storie rappresentate nel gioco sono tratte da casi reali, le scelte sono molto semplificate e funzionano su una logica binaria, che apre a situazioni diverse. Si misura l’impatto dei comportamenti e della comunicazione sul sistema a 4 livelli, dove le metriche ‘Management’, ‘Leadership’, ‘Clima’, ‘Team Skills’ evidenziano come ciascuna risposta modifichi l’ambiente in cui il giocatore agisce in quel momento. Le variazioni non sono tutte dello stesso segno, completamente positive o negative. Ad esempio, una risposta può avere un impatto positivo sulla variabile Management (perché è una risposta che in qualche modo gestisce il problema), ma nello stesso tempo un impatto nullo sulla variabile Clima, perché soddisfa le esigenze di alcuni, ma ne scontenta altri. E’ stato assegnato un valore positivo (1,2) alle risposte che aprono scenari di confronto guidati dall’attenzione al diversity management. Viceversa, i valori negativi sono stati assegnati alle risposte di chiusura o indifferenza alle diversità. Il valore 0 corrisponde alla non influenza e all’assenza di impatto sul diversity management. Diversity@Work può essere uno strumento ad utilizzo del singolo o da utilizzare in gruppo, durante sessioni di gioco comune seguiti da follow-up guidati da una coach. I macro indicatori utilizzati per le metriche sono riferibili al primo documento dell’Unione Europea che propone una checklist per l’analisi del diversity management, pubblicato nel 2012 e successivamente aggiornato.

Work Wide Women è il progetto di welfare che supporta le aziende e le donne fornendo soluzioni in ambito di diversity management e di pari opportunità e che, attraverso la corretta applicazione delle politiche di inclusione, porta ad innovare attraverso l’educazione alla differenza e a percorsi di formazione certificata. WWW nasce in Italia nel 2014 con lo scopo di diminuire la disoccupazione femminile e far sì che le donne si avvicinino all’Information Communication Technology, settore in cui a livello globale le posizioni sono ricoperte per l’85% da uomini, ma dove la domanda di figure professionali è in costante e incessante crescita. La società guidata da Linda Serra è stata insignita da alcuni prestigiosi riconoscimenti, tra cui ‘Welcome. Working for Refugee Integration’ dell’UNHCR, il Premio Innovatori Responsabili realizzato dalla Regione Emilia Romagna e il Premio Ged – Gender Equality & Diversity, a cura della Commissione regionale per la parità e i diritti delle persone.
www.workwidewomen.com

Ufficio Stampa & Media Relations
Work Wide Women Giulia Piazza

Condividi

0commenti su "Diversity @ Work: rassegna stampa"

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscriviti alla newsletter

Nome:

Email:

ottobre, 2019

2019ven25ott10:0017:00Google Day ADS, ANALYTICS, TAG MANAGER 25.10.2019 @Google Milano6 ore, composte da argomenti teorici e una parte di esercitazioni pratiche.10:00 - 17:00 Google Italia, Via Federico Confalonieri 4, Milano

About

Work Wide Women è la prima piattaforma di social learning dedicata alla formazione femminile sulle nuove professioni legate al web e alle nuove tecnologie.

Su

© 2017 DIG-B SRLS - Via Tavernola, 91/C, 80053 Castellammare di Stabia (NA) P.IVA 07723131210 - REA NA-905782

Credits: socialcities.it

Scopri Diversity @ Work
X